WWW.ANSIADAPRESTAZIONE-ITALIA.IT

PORTALE SPECIALIZZATO SU

ANSIA DA PRESTAZIONE E PROBLEMI DI EREZIONE

Articoli a cura del Dott. Pierpaolo Casto

Come migliorare la durata dell’erezione

COME MIGLIORARE LA DURATA DELL’EREZIONE

 

Si tratta di un desiderio comune a molti uomini perché c’è la diffusa convinzione che chi ha un organo maschile più grande ed ha una lunga durata dell’erezione riesce a soddisfare meglio la donna. Questo è solo un mito!

Un “piccolo” segreto per soddisfare una donna

Abbiamo tutti sentito parlare del punto G  delle donne, il problema è che molti uomini credono si trovi in un luogo profondo della vagina e che quindi è necessario avere un lungo pene per raggiungerlo e stimolarlo.

Più che la lunghezza del pene è lo spessore ad essere rilevante!

In realtà, il punto G varia da una donna all’altra ma solitamente si trova ad una profondità vaginale di 7-8 centimetri.

Se si riesce ad individuare il punto G della partner, si sarà in grado di farle raggiungere più facilmente l’orgasmo e sentirsi più soddisfatti.

La chiave per stimolare il punto G è di applicare una pressione costante della parete vaginale, che si ottiene se si riesce a mantenere l’erezione per un lungo periodo di tempo; pertanto è necessario avere un’erezione prolungata .

Cosa fare?

Il primo consiglio è controllare la dieta.

Per raggiungere un’erezione prolungata, il corpo ha bisogno di molte sostanze nutrienti; la principale fonte di energia sono i carboidrati che si trovano in alimenti come pane, riso, patate, pasta, frutta.

Un importante elemento per la produzione di sperma è lo zinco, presente nelle noci, molluschi, pesce, anacardi, fegato di manzo.

Si consiglia di mangiare molta frutta e verdura e usare olio vegetale per abbassare i livelli di “colesterolo cattivo” (LDL) e quindi mantenere sani i vasi sanguigni che sono quelli che garantiscono il flusso di sangue al pene e l’ossido nitrico.

Il secondo consiglio è diminuire la sensibilità del vostro pene.

Un modo pratico e semplice per raggiungere questo obiettivo è quello di utilizzare un preservativo.

Il terzo consiglio è quello di praticare alcuni esercizi che rinforzano i muscoli pubo coccigei e gli altri muscoli addominali coinvolti nell’erezione.

Si consigliano esercizi molto facili, che richiedono solo circa 15-20 minuti al giorno e che si possono fare anche sul posto di lavoro anche in posizione seduta.

Questi esercizi aiutano ad avere erezioni durevoli, migliorano le condizioni generali  del pene, aumentano il desiderio sessuale e la resistenza: sono gli “esercizi di Kegel”.

Il quarto consiglio è non esagerare con l’alcool, perché può provocare un infiammo della prostata e la perdita di sensibilità del pene; a questo proposito è bene sottolineare che anche il fumo è molto pericoloso perché restringe i vasi sanguigni e provoca scarso flusso di sangue al pene.

Articolo a cura del Dott. Pierpaolo Casto
*** Contatti e Consulenza Specialistica con il Dott. Pierpaolo Casto:
Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce)
Tel. 328 9197451 * 0833 501735 *** Contatti e Consulenza Specialistica con il Dott. Pierpaolo Casto:
Via Magenta, 64 CASARANO (Lecce)
Tel. 328 9197451 * 0833 501735

Ti potrebbe interessare leggere:

PORTALI ITALIANI SPECIALIZZATI

Per approfondire sui disturbi di Ansia da Prestazione, Disfunzione Erettile, Problemi di Erezione, Eiaculazione Precoce si suggerisce la lettura sui  seguenti Portali Specializzati:

WWW.ANSIADAPRESTAZIONE-ITALIA.IT

WWW.ANSIADAPRESTAZIONE.IT

ANSIADAPRESTAZIONESESSUALE.IT

WWW.SESSUOLOGIA-ITALIA.IT

WWW.PROBLEMIDIEREZIONE-ITALIA.IT

WWW.EREZIONE-ITALIA.IT

Articoli a Cura del Dott. Pierpaolo Casto

E’ possibile richiedere consulenza da tutta Italia con videochiamata WhatsApp o Google Duo

Vincere Ansia da Prestazione e Problemi di Erezione sul tuo WhatsApp

Dott. Pierpaolo Casto - Psicologo e Psicoterapeuta - Specialista in Psicoterapia Cognitiva e Comportamentale - PER APPUNTAMENTO: Viale Mazzini, 76 CASARANO ( Lecce ) Tel. 328 9197451 * Gruppo Associato Centro Italiano di Psicoterapia .it © 2021 Frontier Theme
Call Now ButtonCHIAMA IL DR. PIERPAOLO CASTO